La “Bella Italia” che fu

bella italiaLa “Bella Italia” che fu. Un ricordo malinconico,  indelebile, che porta a momenti dell’adolescenza, dello “struscio” lungo via Giardini, lungo la strada principale di Polla. Quando, la domenica, il traffico veniva dirottato sul diversivo, quando non c’erano cellulari e si camminava per strada. In tanti. Sorridendo e guardandosi, parlando e sfiorandosi.

La “Bella Italia” che fu. Un ricordo dolce verso i sabato sera da adolescenti. da neo genitori, da adulti che volevano trascorrere una serata fuori casa, a mangiare un pizzetta, un calzone rigorosamente farcito, a sedersi al tavolino e sognare un bacio della ragazza amata, una serata piacevole e “leggera”. Quando non c’erano i cellulari e si attendeva il proprio turno all’unica cabina telefonica sulla “piazzetta vecchia” per una telefonata agognata. “Pronto, casa…..?”

La “Bella Italia” che fu.  Un ricordo gustoso verso un locale che ha segnato per decenni la storia dei ragazzi e delle ragazze di Polla. Decenni trascorsi all’imbocco della strada che porta verso la chiesa del Rosario, poco dietro il monumento ai caduti, nascosto quel tanto che basta per avere un minimo di “segretezza”. Un locale, il “Bella Italia” appunto, che ha segnato, per diverse generazioni, i pollesi con ricordi e buon cibo, un punto di incontro e di riferimento. Il “Bella Italia” del signor “Cremino”, al secolo il signor Antonio Zullo, e della moglie, delle pile di pizzette servite con un maccherone crudo sopra per evitare che la mozzarella invadesse il piatto superiore, un pub, una friggitoria, un locale piccolo con appena due tavoli e poche sedie che ha lasciato un grande segno nelle generazioni per decenni. Dopo anni di onorata carriera il locale ha chiuso, lo storico “Cremino” sempre gentile e sorridente, così come la moglie, nel servire migliaia di clienti, va in pensione e con lui si chiude anche una pagina di Polla. Di una Polla che fu, più viva e forse più verace.

Con un biglietto scritto a penna (altro che fredde tastiere), appeso alla porta del negozio (altro che distaccati social), “Cremino” ha salutato, ha ringraziato tutti i clienti per il “Cammino fatto insieme”.

La Bella Italia, il nome di uno storico locale pollese, ma forse ancor di più il ricordo di quello che era (Polla e l’Italia) e forse non è più.

Informazioni su La Mosca

Presunto(so) giornalista, in realtà disoccupato
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...