Il giro di boa

Metà vita andata. Due punti e tanti conti da chiudere.

Non è il numero, non il compleanno, non l’età, non altro se non  uno scatto. Mentale.

Due cifre e una lettera che mi ballano in testa come in un tango a tre da mesi. Un’orgia di emozioni a passo di danza.

Le due cifre sono il 3 e il 5. La lettera è la “L”.

Ecco, mi guardo dietro, forse per la prima volta seriamente. E vedo tanto fumo. Poca carne. Ossa sì, rotte più che altro. Ma lo scatto da qualche tempo si è impossessato di me e, si sa, il ballo è un momento per occasioni speciali. E un compleanno è più che altro una scusa per poter ballare. Una splendida scusa. Non c’è che dire.

La scusa di questo ballo per tirare una linea e decidermi a terminare quel progetto inconsapevole che dura da quasi 35 anni

Ballano il 3, il 5 e la L. Ballano pensando al passato inconcludente e al futuro da rendere migliore.

L come Lavoro. Quindici anni di giornalismo e un futuro precario. Perenne precario. E se non fosse un problema ma una forza? Giornalista precario. Affamato, quindi. Non solo di stipendi ma di notizie, di farlo per farlo. Per essere qualcuno.

L come libero. Così come lo sono stato, lo sarò. Nel lavoro. Nelle decisioni. Nello sbagliare.

L come Libro. Un libro in cantiere da due anni, venti e più capitoli scritti di getto. Un libro che non sarà mai pubblicato (siamo tutti scrittori, ma pochi scrivono davvero) ma che deve essere scritto. Ecco voglio completarlo. Lo devo a due persone. A mia madre. E a me.

L come La Famiglia. Pochi, stretti e invadenti. Ma indispensabili.

L come La Mosca del Mattino. Uno sfogo personale che mi ha dato energia. E poi racchiude il mio scrivere per il Mattino, un onore. Un onere

L come Loro. Quei coglioni dei miei 5 o 6 o 7 amici. Coglioni perché mi fanno sentire come loro. Ed è grazie a loro che mi sento un po’ meno coglione di quello che sono.

L come Loro di nuovo. Persone incontrate per caso o per destino che arricchiscono la mia vita quotidianamente. Ogni giorno da 35 anni.

L come Lei. Tutto (o quasi).

 

 

Informazioni su La Mosca

Presunto(so) giornalista, in realtà disoccupato
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...