Il Natale della speranza valdianese…

Che quest’anno sia il Natale della speranza.

Speranza che si ritrova nelle persone e nelle “cose” del Vallo di Diano.

A dimostrazione che Babbo Natale è passato già e ci ha lasciato tanti doni.

E la speranza la si può ritrovare un po’ ovunque.

 

In Romina e Antonio e nella loro impresa familiare, giovanile, combattiva

Nel cuore del Pettirosso di Ivan e della moglie romagnola oramai valdianese

In Enzo e nella sua fame di Cultura

In Nico e nel suo raccontare la Storia

Nei libri di Lorenzo

In quelli di Geppino

In tutti i libri scritti quest’anno nel Vallo. Sperando che siano meno di quelli di letti.

Nel magnifico libro sospeso di Michele e Salvatore

Nei giovani che aprono locali per i giovani

Nei meno giovani che insegnano e hanno ancora voglia di imparare

Nelle Università per la Terza età

In Daniele, ingegnere, che sa inseguire i sogni

Nel ricordo vivo di Antonio Finamore

Tra le pareti della Stanza di Giò

Nella gioia de I ragazzi del Ponte

Nel vento dei mulini sanpietresi

Nelle gioiosa festa della birra di un ricercatore sassano-norvegese

Nella voglia di far teatro dei ragazzi di San Rocco

Sul palco di Tempo e Memoria

Nel teatro giovane e santarsenese.

O di quello sassanese.

Nei presidi contro Terna e Antenne. Nella volontà popolare di imporsi.

Nel turismo vincente di Mida e nell’apertura mentale del presidente e del suo staff

Nell’arte dolciaria di un montesanese

Nell’olio aulettese.

Nel pasticcio di Caggiano.

Nell’esperienza del vino Tempere

In quella dell’amaro teggianese

Nella voglia di fare sport da Pertosa a Casalbuono

Nella voglia di farlo per i più piccoli

Nel fagiolo di Casalbuono

In tutti i veri prodotti tipici

E in quei giovani che investono sulla terra valdianese

Negli asinelli di Ivan

Nelle Radici salesi

Nella Certosa e nel Battistero.

In un centro storico dianese che emoziona

Nelle magie fotografiche di Willams e di tutti gli altri artisti locali

Nell’erba sotto l’asfalto che cresce e diventa foresta

Nei musicisti che esaltano il nostro territorio

In tutti quei valdianesi che lottano per gli altri. Sempre. E a prescindere

 

 

 

Informazioni su La Mosca

Presunto(so) giornalista, in realtà disoccupato
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...