“Donare è vita”. L’esempio di Giuseppe e Giosi

convegnoHanno in comune il nome, la forza della vita e due occhi che sprigionano energia. E hanno in comune l’affetto che li circonda, due famiglie eccezionali e un altruismo che deve essere da esempio. Sempre.

Giuseppe e Giosi rappresentano, credo, il modo giusto di affrontare la vita. Giuseppe Sacco, il “Baroncino” per tutti noi, lo ricordo bene, sorriso eterno e lavoro sempre. Nonostante le difficoltà e i problemi di un’azienda, l’Ergon, dove lo stipendio a volte diventa un optional. Per ricordare di Giosi devo scavare un po’ nei ricordi. Mi aiuta la sorella Antonella con una lettera a ricordarlo per chi era. “Giosi non si può dire: lo si può vivere; non lo si può descrivere: bisogna cercarlo nelle emozioni che provi solo ascoltando la tua musica preferita, quella che ti entra dentro e ti trasforma; oppure attraverso il primo vagito di tuo figlio, quando assapori nuovamente la vita. Lui è libertà”. Un ragazzo eccezionale.

La forza vitale di Giuseppe e Giosi non poteva, non può essere arginata. E continua a sprigionarsi in quelle vite salvate con l’estremo gesto, l’ultimo dono: la donazione degli organi.

Ecco, stasera, dalle 19 nel convento di Sant’Antonio a Polla, con l’associazione “Paolo Masullo” e con “I ragazzi del Ponte”, parleremo del loro esempio e dell’importanza della donazione. E di due ragazzi eccezionali che in comune avevano il nome, la forza della vita e due occhi che sprigionano energia.

Informazioni su La Mosca

Presunto(so) giornalista, in realtà disoccupato
Questa voce è stata pubblicata in giornalettismi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...