Il Vallo drizza le antenne

Le ultime sono le proteste di Padula per l’installazione dell’antenna Wind. Ma soltanto ricordando l’ultimo periodo si registrano le polemiche per le antenne di Teggiano, Salvitelle, Caggiano, Padula ancora, Montesano e forse anche qualche altro paese del Vallo di Diano e paesi limitrofi.

Proteste di popolo per l’installazione di nuovi ripetitori o per quelli già esistenti. Paura per la salute, paura per l’ambiente, per se stessi.

A volte i territori sono comunali, altre di privati. Soldi e necessità, burocrazia e favoritismi sono alla base dell’installazione di antenne anche in zone meno “opportune”.

Una regolamentazione del territorio o – se non la Legge non lo permette – un accordo tra le amministrazioni, una presa di posizione comune è possibile per garantire la salute alla popolazione?

 

Informazioni su La Mosca

Presunto(so) giornalista, in realtà disoccupato
Questa voce è stata pubblicata in Sprofondo sud. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...